.
Annunci online

estetica
Benvenuti nel' Mondo dell' Estetica!!!!!!!


Diario


14 luglio 2008

blog in vacanza!!!!!!

Cari amici bloggers qsto blog e chiuso x ferie nn ho propio tempo di aggiornare i consigli sul' estetica quindi se ne parla a SETTEMBRE con tanti altri consigli sul' ESTETICA buone vacanze a tutti!!!!!! 




permalink | inviato da Il mondo dell' estetica il 14/7/2008 alle 13:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


2 giugno 2008

Quarto consiglio:pulizia del viso!!!!

  Struttura
La sua struttura è costituita da tre diversi strati:
• L' epidermide è la più superficiale ed è costituita a sua volta da diversi strati, che attraversano un continuo processo rigenerativo, molto più rapido durante la notte e con l'età adulta.
• Il derma è attraversato da nervi, vasi sanguigni e linfatici e da una rete di tessuto fibroso. Nel derma sono situate le ghiandole sudoripare e sebacee.
• Il sottocute , che collega derma e epidermide con i tessuti interni, costituito da cellule di tessuto connettivo.

Caratteristiche
La pelle, più sottile nella donna che nell'uomo, ha uno spessore che varia tra 0,5 e 2 mm ed ha caratteristiche diverse nelle varie parti del corpo.
Il rapporto tra pelle e psiche è molto stretto; infatti stati emotivi e stress possono generare eczemi e macchie. Ad esempio: si suda per paura, si arrossisce per rabbia o imbarazzo.
Colore e caratteristiche della pelle sono determinati dall'eredità genetica, variano da persona a persona.

Funzione
• Protezione : la pelle contribuisce a difendere il corpo da germi e radiazioni solari.
• Respirazione : lascia passare ossigeno e libera anidride carbonica.
• Secrezione ed escrezione : attraverso ghiandole sudoripare e sebacee la pelle espelle tossine.
• Regolazione della temperatura : con la dilatazione dei vasi sanguigni, una maggiore quantità di sangue arriva alla pelle. Questa libera calore, abbassando la temperatura corporea, anche attraverso la produzione di sudore. Al contrario con una temperatura esterna bassa, la pelle trattiene calore, che rimane nel corpo.
• Immagazzinamento : l'eccedenza che il nostro organismo assimila viene in parte immagazzinata dalla pelle sotto forma di grasso sottocutaneo.
• Metabolizza la vitamina D attraverso i raggi solari.  Non esiste un solo tipo di pelle
La pelle non è uguale in tutte le persone, anzi!
E' attraverso la pelle dei polpastrelli che possiamo essere riconosciuti, proprio perché essa ha caratteristiche uniche.
Per questo motivo, non può esistere un unico trattamento adatto e per scegliere le cure più appropriate devi essere in grado di riconoscere a quale tipo la tua pelle appartiene. 
Tipi di pelle
Ecco allora quali sono i tipi di pelle più diffusi:
Pelle normale
E' la meno diffusa di tutte. Non è né unta né grassa, anche se si presenta leggermente più lucida su naso e mento.
Pelle sensibile
E' molto fine e di colore bianco-rosaceo. Spesso presenta capillari dilatati, soprattutto su naso e guance. Nei casi più accentuati questi capillari arrivano a rompersi, provocando la couperose.
Pelle grassa
E' caratterizzata dall'eccessiva produzione di sebo, che provoca punti neri e brufoli. Si presenta con un aspetto lucido e leggermente untuoso.
Pelle secca
Presenta pori molto fini e sottili ed è molto sensibile, in particolare agli agenti atmosferici.
Pelle acneica
L'acne si manifesta soprattutto (ma non solo) su pelli grasse, a causa dei depositi di sebo sottopelle. Nei casi più gravi, può provocare cicatrici permanenti.
Pelle avvizzita
Con il tempo, la pelle tende a cedere e a rilassarsi, diventando più secca. Macchie sulle palpebre e sulle tempie si accompagnano a rughe accentuate. Ma molto dipende dal tipo di pelle, dall'alimentazione e dallo stile di vita.




Pelle Normale:

Si presenta luminosa e fine. Purtroppo è il meno frequente di tutti i tipi di pelle e mostra dei pori piccoli e chiusi.
Risulta leggermente più unta sul naso e sul mento, non è tuttavia né particolarmente secca né grassa.
Caratteristica di persone il cui organismo funziona in piena normalità, con un metabolismo equilibrato.
Questo tipo di pelle non necessita di cure particolari.
Ti raccomandiamo di eseguire una buona pulizia del viso ogni 15 giorni, di tenerla ben idratata con prodotti leggeri a base di vitamine e fare poi periodicamente una maschera idratante e tonificante. 
Le regole d'oro per una perfetta pulizia del viso
La detersione del viso è un'azione quotidiana molto importante, per chi si trucca e no. Lo sporco da eliminare è formato solo parzialmente dai residui del make-up, infatti sono lo smog, la polvere e il pulviscolo dei riscaldamenti che si depositano sulla nostra pelle e la soffocano.

Lava il viso, al mattino appena sveglia e alla sera prima di andare a dormire.

Utilizza il detergente più adatto alla tua pelle applicandolo con un dischetto di cotone. Non deve provocarti screpolature, allergie e arrossamenti di nessun tipo.


Gli accessori per la pulizia viso
Dischetti d'ovatta 
compatta

sono l'ideale per applicare o togliere il cosmetico.
Non utilizzate l'ovatta perché lascia notevoli residui.

Le veline

sono utili per eliminare gli eccessi di sebo, si utilizzano tamponando leggermente.

La spugnetta

serve per stendere e togliere il detergente. È importante lavarla perfettamente con sapone neutro dopo averla utilizzata e non riporla nel cassetto fino a quando non è asciutta.


I prodotti da usare per la pulizia viso
Le acque detergenti

normalmente sono adatte a tutti i tipi di pelle, ma hanno il limite di non pulire in profondità.

Il gel

può essere utilizzato tranquillamente da chi ha la pelle mista o grassa, mattino e sera.

La mousse

è adatta a tutti i tipi di pelle, anche le più delicate. Si applica sul viso umido e poi si sciacqua con acqua tiepida.

Il latte

anche il latte detergente è adatto a tutti i tipi di pelle. Ti consigliamo di fare due passaggi con i dischetti di cotone. Togli i residui con una spugnetta leggermente inumidita.

Il tonico

il tonico ha diverse funzioni. Prima di tutto ridona alla pelle il suo PH naturale, infatti anche il detergente più delicato lo altera. Esistono tonici lenitivi per le pelli delicate che si arrossano facilmente o equilibranti e calmanti per ogni tipo di pelle.

Un tonico naturale... rubato alla nonna

Tonico antirughe all'uva
1.

Lavare bene 10 acini d'uva

2.

Frullateli fino ad ottenere un succo

3.

Imbevete un dischetto di cotone nel succo

4.

Lasciate agire per 20 minuti

5.

Sciacquate con acqua tiepida


Attenzioni particolari a...
Labbra

sono molto più delicate del resto del viso, infatti non sono protette dal manto detto "film lipolidico" formato da grassi e acqua.

Occhi

per struccare gli occhi è necessario utilizzare solo prodotti specifici. La composizione di queste lozioni è molto simile al liquido oculare.

Pelle grassa 

In questo caso evita di utilizzare prodotti troppo sgrassanti che rischiano di stimolare ulteriormente le ghiandole sebacee a produrre ancora più sebo. Preferisci invece prodotti astringenti e purificanti.

Couperose

se sei affetto da questo problema, per lavarti non usare l'acqua del rubinetto soprattutto se è calda, utilizza invece acqua minerale naturale. Al posto del tonico che potrebbe irritare la pelle, vaporizza sul viso dell'acqua termale spray.

Pelle sensibile:

La pelle sensibile si presenta fine e di colorito bianco-rosaceo. Mostra molto spesso sul naso e sulle guance dei capillari dilatati, che subiscono i cambiamenti di temperatura e che in alcuni casi arrivano a rompersi diventando molto visibili (couperose).
 
La couperose è una manifestazione cutanea del viso piuttosto frequente per le pelli sensibili che si manifesta prima con arrossamenti lievi di una o più parti del viso trattabili con creme idratanti, e in seguito con la comparsa nello strato più superficiale della pelle, di sottilissimi capillari.

Cosa stimola la couperose?
L'esposizione al freddo.
Sbalzi di temperatura.
L'esposizione prolungata al sole.
Fattori emotivi come stress o ansia.
La pelle grassa è caratterizzata dall'eccessiva produzione di sebo (sostanza grassa naturale che difende la pelle ) che le dà un aspetto lucido e leggermente untuoso.

I principali inestetismi causati dall'eccesso di sebo sono i punti neri e i comedoni, meglio noti come brufoli. L'eccessivo livello di testosterone nel sangue è spesso la causa principale della pelle grassa , sia nell'uomo che nella donna.
E' spesso caratteristica dell'età adolescenziale dato che l'eccessiva produzione sebacea è quasi sempre indotta da squilibri ormonali , tipici di questa età. Può essere anche provocata da altri fattori, come il fumo o un'alimentazione scorretta.

Cura

La cosa più importante per la pelle grassa è la pulizia, che deve essere accurata, ma mai aggressiva.

Nei casi più lievi una corretta pulizia quotidiana evita diversi problemi di tipo anche estetico come: untuosità, punti neri e impurità .

Per la pulizia, utilizzate acqua tiepida e saponi leggermente acidi, ma comunque delicati.

L'uso di detergenti fortemente sgrassanti è sconsigliato, poiché potrebbero ottenere l'effetto inverso e stimolare ulteriormente la produzione di sebo.

Evitate anche le creme e i fondotinta a base grassa, che occludono i pori e possono causare la complicazione più frequente della pelle grassa , l'acne .

Effettuate periodicamente una profonda pulizia della pelle , utilizzando maschere purificanti .

Almeno ogni due mesi, fate effettuare dall'estetista una pulizia della pelle "professionale " con vapore e creme specifiche.


Alimentazione: un'alimentazione equilibrata migliora la salute e quindi anche la pelle

evitate sostanze eccitanti, caffè e sigarette.

Limitate i cibi molto grassi e i dolciumi.

Sono consigliati yogurt, frutta e verdure, che tengono in forma tutto l'apparato digerente e facilitano la digestione, salvo ovviamente particolari allergie alimentari.

Sono indicati anche i cibi che contengono le vitamine del gruppo B , in particolare B6 e B2 , come i cereali integrali, latte e derivati , banane e le verdure .


Consigli naturali

Per la pelle grassa sono particolarmente utili le maschere a base di argilla, che hanno il potere di purificare a fondo i pori e di asciugare il sebo in eccesso, ma senza per questo irritare o seccare eccessivamente.

Tampona il viso la sera con il succo di limone leggermente diluito con acqua, farà restringere i pori dilatati, e la sua azione disinfettante preverrà anche la formazione di brufoli.

Integra la dieta con un cucchiaino al giorno di olio di germe di grano(ricco di vitamina B6 ), e con il lievito di birra naturale, che puoi trovare anche in pratiche capsule.


Omeopatia

Secondo la medicina omeopatica il problema della pelle grassa va affrontato anche sotto il punto di vista psicologico, poiché si è constatato che l'eccesso di stress può avere un ruolo importante nella produzione di sebo.

Uno dei rimedi utili è l'estratto di Ribes Nigrum: una cinquantina di gocce sciolte in acqua da bere la mattina al risveglio, sono sufficienti a controllare il nervosismo e la produzione eccessiva di sebo.

Pelle secca        Questo tipo particolare di pelle presenta pori molto fini e sottili, quasi invisibili, è molto sensibile, disidratata e soggetta a screpolature e sfaldamenti.
La pelle secca è particolarmente sensibile agli effetti degli agenti atmosferici (sbalzi di temperatura, freddo, caldo). Quando ti lavi cerca di usare acqua tiepida e saponi lievemente detergenti, (il sapone alla lanolina è molto indicato), in modo da evitare di incidere sulla sensibilità della pelle.

Usa creme idratanti e latte detergente al mattino, prima del make up

La sera prima di andare a letto usa olio detergente per la pulizia del viso ed evita i tonici.

Se proprio non puoi farne a meno usa tonici molto leggeri e privi di alcol.

Per conservare la pelle tonica e ben nutrita utilizza creme idratanti alle vitamine.

Ricorda sempre di stendere sul viso un sottile strato di crema idratante o di crema grassa nutriente come base del trucco (limiterai eventuali allergie e terrai la pelle più protetta e tonica). Puoi inoltre migliorare l’elasticità e la tonicità della pelle con semplicissime maschere sul viso a base di frutta, comodissime da preparare in casa: Pelle acneicaL'acne è una patologia assai frequente nel giovane, ma non solo. Ne esistono diversi tipi e clinicamente viene suddivisa a seconda dell’aspetto in acne comedonica, papulosa, pustolosa e nodulo-cistica . Tali forme possono anche intersecarsi tra loro.
Si tratta dunque di una vera e propria disfunzione della pelle e come tale necessita di cure farmacologiche. La sua gravità è dovuta al fatto che se è in forma aggressiva e non curata adeguatamente può provocare cicatrici deturpanti.

I sintomi
L'acne si manifesta con la comparsa di depositi di sebo sottocutanei stratificati (comedoni, papule, pustole, noduli ….) visibili ad occhio nudo e localizzati solitamente sul viso, ma anche in altre parti del corpo come glutei, spalle.

Le cause
Le cause che possono determinarla sono molteplici:
- una seborrea marcata (eccesso di sebo)
- disfunzioni ormonali
- fattori genetici
- fattori psicologici
- cause esterne, per esempio l’uso di cosmetici inadatti
- particolari situazioni di stress emotivi
- difficoltà digestive
- cattiva alimentazione: grassi, salse a molto speziate, una dieta povera di frutta, verdura e fibre o semplici allergie alimentari... In questo caso è importante per eliminarla seguire una dieta equilibrata e ricca di verdura e fibre.

I rimedi
E' indispensabile una visita dermatologica per classificare la forma di acne e personalizzare il trattamento, non prescindendo dalle relazioni psico-somatiche assai importanti.
Le terapie sono innumerevoli, sia locali che generali, nelle fasi acute, croniche o recidive.
Oggi siamo in grado di controllare bene l’acne e soprattutto prevenire e/o curare i danni permanenti da essa provocati con mezzi d’avanguardia come i laser e i peeling esfolianti.

Pelle avvizzita:L'orologio biologico segna per tutti il trascorrere del tempo con evidenti segni a noi tutti noti.
L' invecchiamento fisiologico può essere accelerato o rallentato a seconda del tipo di vita che uno conduce, dell'alimentazione, dell'ambiente.

Con il passare degli anni la pelle si ritrova a fare i conti con cedimenti e rilassamenti, diventa più secca e comincia a raggrinzirsi. La sua pigmentazione presenta spesso macchie sulle palpebre e sulle tempie e le rughe si accentuano in maniera considerevole.
Il processo di invecchiamento è inevitabile, ma oggi abbiamo a disposizione molte armi per combatterlo, sia in campo medico che chirurgico.

Nel settore medico vengono utilizzate molte sostanze opportunamente combinate (sia per uso locale che generale) in grado di ottenere ottimi risultati. Le metodiche sono diverse: si va dalle applicazioni di semplici creme, all'utilizzo di peelings esfolianti o a micro iniezioni bio-rivitalizzanti, con lo scopo di ottenere un'azione sincronizzata ed ottimizzare i risultati.

In campo chirurgico si può ricorrere ai classici interventi estetici, ai quali si affiancano oggi trattamenti con laser e/o con apparecchi a luce pulsata per il ringiovanimento del volto. Si può anche ricorrere all'utilizzo di numerose sostanze che "riempiono" le rughe (fillers) ad effetto temporaneo o perenne, che vengono introdotte mediante semplici iniezioni o piccoli interventi ambulatoriali.

L'alimentazione
Per quanto riguarda l'alimentazione, innanzi tutto non dovrebbero mai mancare frutta e verdure , poiché le vitamine , i sali minerali e gli oligoelementi in essi contenuti aiutano la pelle a mantenersi sana.
Le fibre , favorendo l'eliminazione di tossine, contribuiscono a donarle un aspetto luminoso.
E' necessario anche un corretto apporto di proteine , perché si possa mantenere compatta ed elastica.
E' molto importante, inoltre, bere tanta acqua , che non solo aiuta a depurare l'organismo, ma favorisce l'idratazione della pelle.

I rimedi
Per eliminare le macchie marroni che compaiono sulla pelle in età matura, bisogna strofinare la pelle con olio di ricino o olio essenziale di eucalipto la mattina e la sera.
Per quanto riguarda la comparsa di rughe , questa può essere attenuata con alcuni prodotti naturali. Gli esperti di Bellezza.it a questo proposito ti consigliano due maschere per il viso:

Maschera antirughe di segale e miele
2 cucchiai di farina di segale
2 cucchiaini di miele
2 albumi d'uovo
Mescola bene tutti gli ingredienti sino a formare una pasta morbida che applicherai sul viso.
Dopo circa 25 minuti toglila con acqua tiepida.
Per la pelle secca aggiungi un cucchiaino do olio d'oliva al precedente composto, invece per la pelle grassa sostituisci gli albumi d'uovo col succo di un limone.

Maschera antirughe rinvigorente d'orzo
1 cucchiaio di farina d'orzo
1 o 2 cucchiai di latte
1 cucchiaio di miele
1 cucchiaino di menta fresca tritata (o 1/2 cucchiaino di menta secca sbriciolata)
Mescola inizialmente l'orzo, la menta e il miele. Dopo aggiungi la quantità sufficiente di latte per ottenere una crema uniforme e non troppo liquida. Applica e tieni per circa mezz'ora. Sciacqua con acqua fredda.

Consigli utili
Contro gli inestetismi del corpo, è possibile applicare prodotti rassodanti , i quali contengono principi attivi che agiscono sui tessuti restituendo loro il giusto grado di compattezza, elasticità e idratazione.
Ecco alcuni consigli utili:
• prevenzione innanzi tutto: anche se la pelle non presenta particolari problemi è bene tenerla pulita ed idratata.
• i prodotti rassodanti si applicano preferibilmente la sera, dopo il bagno, in modo che la cute sia in grado di assorbire facilmente i principi attivi.
• l'applicazione dei prodotti rassodanti deve avvenire massaggiando una piccola quantità di prodotto, raccolta nel palmo delle mani, sulle aree da trattare. Il movimento deve procedere dal basso verso l'alto, esercitando lievi sfioramenti rotatori.
  

La cura della pelle: Le regole d'oro per una perfetta pulizia del viso
La detersione del viso è un'azione quotidiana molto importante, per chi si trucca e no. Lo sporco da eliminare è formato solo parzialmente dai residui del make-up, infatti sono lo smog, la polvere e il pulviscolo dei riscaldamenti che si depositano sulla nostra pelle e la soffocano.

Cosa fare mattina e sera per la detersione del viso

Lava il viso, al mattino appena sveglia e alla sera prima di andare a dormire.

Utilizza il detergente più adatto alla tua pelle applicandolo con un dischetto di cotone. Non deve provocarti screpolature, allergie e arrossamenti di nessun tipo.


Gli accessori per la pulizia viso
Dischetti d'ovatta 
compatta

sono l'ideale per applicare o togliere il cosmetico.
Non utilizzate l'ovatta perché lascia notevoli residui.

Le veline

sono utili per eliminare gli eccessi di sebo, si utilizzano tamponando leggermente.

La spugnetta

serve per stendere e togliere il detergente. È importante lavarla perfettamente con sapone neutro dopo averla utilizzata e non riporla nel cassetto fino a quando non è asciutta.


I prodotti da usare per la pulizia viso
Le acque detergenti

normalmente sono adatte a tutti i tipi di pelle, ma hanno il limite di non pulire in profondità.

Il gel

può essere utilizzato tranquillamente da chi ha la pelle mista o grassa, mattino e sera.

La mousse

è adatta a tutti i tipi di pelle, anche le più delicate. Si applica sul viso umido e poi si sciacqua con acqua tiepida.

Il latte

anche il latte detergente è adatto a tutti i tipi di pelle. Ti consigliamo di fare due passaggi con i dischetti di cotone. Togli i residui con una spugnetta leggermente inumidita.

Il sapone

il sapone di marsiglia puro in questi ultimi anni è diventata una vera moda. E a ragione, infatti è sicuramente uno dei saponi più delicati ed è adatto alla pulizia anche delle pelli più sensibili. Esistono anche “saponi non saponi” che hanno pochissimi tensioattivi e sono particolarmente delicati.

Il tonico

il tonico ha diverse funzioni. Prima di tutto ridona alla pelle il suo PH naturale, infatti anche il detergente più delicato lo altera. Esistono tonici lenitivi per le pelli delicate che si arrossano facilmente o equilibranti e calmanti per ogni tipo di pelle.

Un tonico naturale... rubato alla nonna

Tonico antirughe all'uva
1.

Lavare bene 10 acini d'uva

2.

Frullateli fino ad ottenere un succo

3.

Imbevete un dischetto di cotone nel succo

4.

Lasciate agire per 20 minuti

5.

Sciacquate con acqua tiepida


Attenzioni particolari a...
Labbra

sono molto più delicate del resto del viso, infatti non sono protette dal manto detto "film lipolidico" formato da grassi e acqua.

Occhi

per struccare gli occhi è necessario utilizzare solo prodotti specifici. La composizione di queste lozioni è molto simile al liquido oculare.

Pelle grassa 

In questo caso evita di utilizzare prodotti troppo sgrassanti che rischiano di stimolare ulteriormente le ghiandole sebacee a produrre ancora più sebo. Preferisci invece prodotti astringenti e purificanti.

Couperose

se sei affetto da questo problema, per lavarti non usare l'acqua del rubinetto soprattutto se è calda, utilizza invece acqua minerale naturale. Al posto del tonico che potrebbe irritare la pelle, vaporizza sul viso dell'acqua termale spray.

Pelle: il massaggio del viso: Per una pelle più bella e per ottenere dei buoni risultati, (che con un po' di costanza si apprezzano giorno dopo giorno!) è indispensabile prima di tutto scegliere con cura il tipo di crema giusto!
Ricorda infatti di usare al mattino un tipo di crema idratante, mentre alla sera scegli prodotti nutrienti , che donino sollievo e morbidezza alla tua pelle!
E' molto importante imparare a massaggiare la pelle del viso nel modo giusto; solo in quel caso la crema che applichi si assorbe perfettamente e i principi attivi contenuti riescono ad agire al meglio!

La crema va applicata con un delicato massaggio , da effettuare con i polpastrelli, che vada a seguire la direzione dei muscoli: dall'interno verso l'esterno e dal basso verso l'alto.

Segui i nostri consigli!
fronte : stendi la crema tra le sopracciglia e massaggia in direzione dell'attaccatura dei capelli.
contorno occhi : massaggia molto delicatamente, utilizzando una crema specifica, sulla palpebra inferiore dall'angolo interno dell'occhio verso l'esterno, continuando il movimento sulla palpebra superiore verso l'angolo interno.
guance : applica la crema sugli angoli della bocca e del labbro superiore, eseguendo il massaggio con movimenti circolari verso gli zigomi.
mento : distendi la crema dal centro in direzione delle orecchie.
collo : massaggia con movimenti circolari dall'alto verso il basso e dall'interno verso l'esterno. Le maschere:Le maschere sono sicuramente uno dei trattamenti più utilizzati dall'estetista e dalle Beauty Farm, un sapiente mix di coccole e di benessere.

Quali sono le regole da seguire per una maschera efficace?
1.

Fai un'accurata pulizia del viso utilizzando il detergente.

2.

Dopo che hai applicato la maschera sdraiati, è più efficace se sei in relax.

3.

Ascolta una musica rilassante, è particolarmente indicata la musica new age o suoni della natura.

4.

Applica la maschera con un pennello dalle spatole piatte e morbide.

5.

Metti uno strato spesso.

6.

Rispetta i tempi di posa.

7.

Se vuoi tenere la maschera sul viso per più tempo e vuoi evitare che si secchi, posa sul viso un panno bagnato.

8.

Non applicarla mai intorno agli occhi né sulla bocca.

9.

Sulle palpebre posa due bustine di tè già usate.

10. Non dimenticare il collo e il décolletté



 

 





permalink | inviato da Il mondo dell' estetica il 2/6/2008 alle 13:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


3 maggio 2008

Terzo consiglio:Depilazione!!!!

Oggi parleremo di un argomento ke noi donne odiamo e ke purtroppo e una cosa ke dobbiamo fare x forza!!!!          I peli superflui      Quasi tutta la superficie del nostro corpo è coperta di peli, ci si sorprende nell'immaginare che la fronte è la parte più densamente coperta da bulbi piliferi!

E' vero che la maggior parte dei peli che ricoprono il nostro corpo é chiara e sottile, e quindi invisibile, ma purtroppo molti altri sono visibili e come!
Per fortuna la ricerca in questo campo continua a fornire soluzioni sempre più efficaci: durature o a breve termine, alcune più dolorose altre indolori, per soddisfare le esigenze di ogni donna.

Un inestetismo abbastanza comune nelle donne è l'ipertricosi, l'eccessiva presenza di peli.
Un problem a causato essenzialmente da fattori costituzionali o da disfunzioni ormonali, oggi finalmente risolvibile.

Il mondo della depilazione si divide in due grandi categorie: la depilazione provvisoria e quella definitiva, che promette di liberare per sempre le donne dai peli superflui Facciamo un po' di chiarezza sulle metodologie più diffuse e scopriamone i pro e i contro:
Depilazione provvisoria Depilazione definitiva



Creme depilatorieQuesto è forse il metodo più diffuso tra le donne e si basa sull'utilizzo prodotti chimici come paste, schiume, creme ad azione emolliente, stick a ph alcalino o liquidi gelatinosi che eliminano i peli superflui in pochi minuti. Si differenziano per la zona da trattare, ma sono sconsigliate alle persone con la pelle delicata.
Questo metodo ha il grande vantaggio di essere facile e veloce, oltre ad essere indolore e poco costoso.
Al contrario della ceretta, le creme depilatorie, non tolgono lo strato di abbronzatura dell'epidermide.

Durata
Da 6 a10 giorni

Costo
Dai 6 euro in su
SbiancamentoQuesto metodo viene usato prevalentemente per sbiancare la peluria del viso tramite sostanze chimiche, ma alla lunga puo' dare un effetto epilatorio per il danno provocato al pelo che tende a rompersi.
Problemi riscontrabili e possibili rimedi
Possono lasciare cattivi odori e con l'uso prolungato possono dar luogo ad irritazioni chimiche molto forti o a fastidiose allergie. Generalmente sono consigliate creme specifiche contenenti cortisonici, ma nei casi più gravi si consiglia di consultare un dermatologo.

Tutte le donne l’hanno usato almeno una volta perché è veloce e pratico, attenzione però a non esagerare con questo metodo perché alla lunga i peli aumentano di numero e di spessore, diventano ispidi e quindi sempre più difficili da trattare anche perché crescono sempre più in fretta!
Utilizzatelo solo per situazioni particolari, per le uscite”dell’ultimo momento” per le gambe e le ascelle, ma mai e poi mai per il viso
Rasoio
Esistono sia rasoi manuali che elettrici:
Rasoi manuali

Ne esistono in commercio di nuovi, più femminili, con la testa semovibile che seguono più facilmente le curve. Meglio utilizzare specifiche schiume, create apposta per la pelle delicata delle donne, che permettono di evitare i piccoli tagli.
Sono molto economici, circa 6 euro, ma ricordati che vanno cambiati regolarmente!

Rasoi elettrici

Danno lo stesso risultato di quelli manuali ma sono più sicuri perché evitano i tagli e le irritazioni. Possiamo trovare in commercio moltissimi modelli, quasi tutti dotati di diverse funzioni a seconda della zona del corpo da depilare.
Logicamente costano molto di più: possono facilmente superare i 25 euro.
Attenzione però a non confonderli con gli epilatori elettrici perché benché siano simili per forma e costi hanno un modo completamente diverso di trattare il pelo: il rasoio taglia il pelo in superficie, l’epilatore lo strappa dalla radice. Se vuoi conoscere qualcosa di più sugli epilatori elettrici


Durata

In entrambi i casi il pelo ricresce molto in fretta: da 2 a 4 giorni. Continuando ad usare solo il rasoio il pelo si inspessisce, cresce sia di numero che di volume e sempre più velocemente!

Problemi riscontrabili e possibili rimedi
L'uso può dar luogo a piccoli tagli, peli incarniti e infezioni, in generale è sempre bene spalmare dopo la depilazione creme idratanti e lenitive.
Se i problemi sono più gravi, si può ricorrere a prodotti esfolianti e creme antibiotiche, consigliate da un bravo dermatologo.
Moltissime donne usano la ceretta per liberarsi dei peli superflui. Se ancora non la conosci... ecco tutte le informazioni che ti servono!
Ceretta
Esistono due tipi di ceretta: a caldo e a freddo…

Ceretta a caldo
La ceretta a caldo, composto denso a base di resine, viene fatta sciogliere a bagno-maria ad una temperatura di circa 40 gradi perchè diventi fluida e quindi spalmata sulla zona da depilare in direzione del pelo; dopo il raffreddamento la cera prende una consistenza gommosa e viene strappata con apposite strisce in direzione opposta alla crescita del pelo.

Ceretta a freddo
In questo caso le strisce sono già pronte, semisolide, e si riscaldano acon le mani, la cui temperatura è sufficiente affinchè acquistino le trasforma in una consistenza applicabile sulla pelle. Anche in questo caso la striscia viene strappata in direzione opposta rispetto alla peluria.

In entrambe le situazioni l’azione del calore sulla pelle provoca una dilatazione del follicolo pilifero che quindi può essere facilmente asportato.
Attenzione però a cimentarvi da soli a questo tipo di tecnica depilatoria, perché se non viene fatta nel modo esatto provoca solo molto dolore e scarsi risultati, quindi... è meglio affidarsi alle mani sicuramente più esperte di un estetista.
Un ultimo consiglio è quello di applicare dopo la depilazione una crema astringente specifica, ed evitare i prodotti contenenti alcool.

Durata
ceretta fredda: 10-15 giorni
ceretta calda: 25-30 giorni

Pregi
Dato che viene asportato il bulbo del pelo, la zona depilata rimane tale per un tempo abbastanza lungo. Oltretutto con il tempo la ricrescita del pelo si indebolisce e i peli incarniti con questa tecnica sono abbastanza rari.

Difetti
E’ la tecnica forse più dolorosa! Inoltre la pelle rimane arrossata e ipersensibile per qualche ora.
È altamente sconsigliabile per persone che hanno problemi di circolazione perché i frequenti strappi possono provocare la rottura di capillari.Inoltre l'uso può dar luogo a follicoli, arrossamenti o eczemi.

Costi
Ascelle: da 4 a 8euro
Gambe: (completo) da 25 a 45 euro
Braccia: da 10 a 25 euro
Inguine:da 4 a 8 euro

Per chi ama il "fai da te" è possibile utilizzare i pratici kit in vendita sia nella grande distribuzione che nelle profumerie. Negli anni questi prodotti sono migliorati sensibilmente ma richiedono una buona una buona manualità ed una certa pratica per ottenere dei buoni risultati.Epilatore elettrico
Consiste in un apparecchio elettrico simile ad un rasoio ma dotato di una testina rotante che afferra i peli e li strappa completamente, non solo tagliandoli nella parte esterna, come fanno i rasoi. Grazie alla serie di pinzette rotanti, i peli vengono estirpati dalla radice (proprio come fa una pinzetta per sopracciglia), garantendo, quindi, un risultato duraturo: il pelo rinasce dopo molti giorni e non dopo un paio, come quando viene eliminato con rasoi o creme depilatorie.

Vantaggi
E' uno dei metodi più pratici, facili e veloci. Si può usare ovunque ci sia una presa elettrica, a differenza della ceretta e della crema, che necessitano di un po' di comodità e di più tempo.
Più economico della ceretta e più efficace del rasoio; la depilazione dura almeno una settimana e indebolisce il pelo, così da non dover, ogni due giorni, ritoccare peli sempre più duri e neri.
Mentre la ceretta, per essere efficace, necessita che i peli abbiano raggiunto una certa lunghezza per poterli strappare bene, l'epilatore elettrico può essere utilizzato anche su peli di almeno 1mm. Questa caratteristica lo rende preferibile alla ceretta in primavera o in estate; infatti, per poter indossare gonne e minigonne senza calze, o per mettersi in costume, la pelle deve essere perfettamente depilata e a volte non si può aspettare di andare dall'estetista.

Consigli
Per eliminare lo stesso numero di peli che si eliminano con una striscia di ceretta, bisogna passare l'epilatore elettrico più volte, quindi, in un certo senso, soffrire di più. Non c'è comunque molta differenza, sono entrambi metodi abbastanza dolorosi. Si consiglia pertanto di utilizzare l'epilatore dopo un bel bagno caldo che ha la funzione di dilatare i pori e rilassare la pelle. Ricordatevi sempre di idratare bene la pelle, dopo ogni epilazione, per evitare rossori.
Per coccolare le vostre gambe e averle sempre lisce e perfette, potete utilizzare un guanto di crine quando fate la doccia, oppure dei prodotti per esfoliare le zone che depilate: così facendo, eviterete che vi ricrescano peli sottocutanei e ottimizzerete al massimo l'efficacia del vostro epilatore elettrico.

Durata del taglio
20 giorni circa

Costo
Dai 50 euro in su       Depilazione con filo orientale

Problemi riscontrabili e possibili rimedi
L'uso può dar luogo a peli incarniti e piccole infezioni che possono essere curate con prodotti esfolianti e creme antibiotiche.L'esigenza della depilazione porta a ricercare varie soluzioni sempre più efficaci e possibilmente naturali. Tra le tecniche di cui si sente più parlare c'è sicuramente l'ultima arrivata in Italia: la depilazione con il filo orientale.
Innanzitutto è importante precisare che la depilazione con il filo orientale non ha nulla a che fare con la ceretta orientale, che viene eseguita con un particolare prodotto composto da ingredienti naturali dettati dalla cultura.
La tecnica di depilazione con il filo orientale nasce della tradizione dell'antico oriente dove, le donne imparano ad utilizzare un semplice filo di cotone molto resistente per la loro depilazione. Questo filo si mette fra le dita delle mani come una spirale ed una parte dello stesso è legata al collo di chi depila per poter fare leva ed estirpare i peli in qualsiasi parte del corpo si voglia operare.
Esso ha il potere "magico" di estirpare il pelo dalla radice, portandolo nel tempo ad indebolirsi a tal punto da non farlo più ricrescere.
Il risultato del trattamento e il tempo di applicazione dipendono molto dalla robustezza del pelo e da come fino ad ora è stato trattato, cioé se è stato estirpato correttamente o rafforzato dalle tecniche sbagliate.
Queste tecniche, purtroppo, sono di largo consumo nella nostra cultura e hanno il terribile difetto di far ricrescere il pelo più forte di prima e più velocemente; chi le ha provate, infatti, sa bene che poi occorrono anni per riportare i peli ad uno stato di accettabile naturalezza. Per eliminare e indebolire totalmente la radice di qualsiasi tipo di peluria soprattutto nelle zone del viso o nei punti più delicati del corpo che sono state trattate con tecniche sbagliate, occorrono diverse sedute della depilazione con il filo orientale, almeno due volte al mese per uno o due anni.
L'antichissima tecnica del filo orientale l'ho imparata da una grande maestra di shiatsu che, ben 12 anni fa, riponendo in me molta fiducia, aveva capito che la mia dedizione verso la ricerca del benessere andava oltre le apparecchiature elettriche o le tecniche estetiche classiche, e che la mia sensibilità di amante del naturale era molto spiccata. La mia insegnante di origine orientale, ha così deciso di insegnarmi questa tecnica, apparentemente facile da vedere ma difficile e complicata da applicare.
Occorre molta pazienza e molta abilità manuale oltre che tanta pratica, prima di riuscire ad estirpare correttamente il pelo alla radice adattandosi alle varie tipologie di cliente.
Desidero inoltre precisare che il filo orientale non ha nessun tipo di controindicazione perché rispetta l'estrazione del pelo in modo molto naturale e quindi non crea alcuna irritazione alla pelle e non provoca brufoli o altro, come avviene in molti casi, quando si esegue la depilazione con la ceretta o con l'ago elettrico.
È molto importante dopo l'applicazione del filo consigliare alla cliente l'utilizzo di una buona fiala ritardante per aiutare l'indebolimento del bulbo pilifero.
La tecnica del filo orientale piace a tutti e dona un risultato eccellente e duraturo nel tempo. Ogni volta che pratico questa tecnica su una cliente che non l'ha mai provata prima, raccolgo il suo stupore e la sua meraviglia, per come un semplice filo estragga in modo così efficace la radice del pelo.Con il filo orientale si può anche ridonare il sorriso a chi soffre di irsutismo, perché questa tecnica rappresenta una valida alternativa all'ago elettrico (che io non uso da 12 anni perché dolorosa e a rischio di cicatrici) per sconfiggere l'inestetica peluria, che di solito è di origine genetica o ormonale, ma può anche sopraggiungere a seguito dell'assunzione di farmacI                   Diatermocoagulazione

        Fino a un po' di tempo fa la tecnica definitiva più utilizzata era sicuramente la diatermocoagulazione o depilazione con ago, che introdotto nella cute, trasmette due leggere scariche elettriche, bruciando il bulbo pilifero e permettendo la conseguente estrazione del pelo con la pinzetta: sicuramente si tratta di una soluzione definitiva valida ma con tempi molto lunghi dato che i peli vengono trattati uno ad uno lasciando a volte piccolissime cicatrici e un po' dolorosa al punto che volendo è possibile effettuare una leggerissima anestesia.
E' indicata per zone poco estese: seno, inguine, ventre e labbra.

Durata
Diverse sedute a seconda del soggetto da trattare.

Costo
Dai 50 euro in su a seduta.

Problemi riscontrabili e possibili rimedi
I problemi che si possono riscontrare sono legati spesso alla non buona attrezzatura di colui che effettua il trattamento e alla sua scarsa manualità. Il cattivo utilizzo puo' dar luogo a delle piccole cicatrici che sono difficillmente eliminabili è quindi consigliabile rivolgersi a operatori esperti e qualificati.                                     Depilazione con laser
Vuoi risolvere una volta per tutte l'inestetico problema dei peli superflui?
Attualmente il sistema più efficace per un risultato definitivo si avvale della tecnologia laser. Tale strumento, assolutamente indolore, usato ormai in molti settori della medicina, ha trovato oggi un'altra applicazione: la depilazione.

In cosa consiste la depilazione con il laser
Effettuata con diversi tipi di laser (Q-Switched Nd, Alessandrite, Ruby, Neodimio-yag, Dye), consiste in un fascio di luce che ha come bersaglio la melanina e penetrando nella cute si trasforma in energia termica che elimina completamente la radice del pelo colpendo il pigmento del follicolo pilifero e inducendo una graduale atrofia dello stesso.

Indicazioni
La laserepilazione è indicata prevalentemente per i peli scuri (ricchi di melanina) in qualunque parte del corpo ad eccezione delle sopracciglia (per evitare il pericoloso contatto del laser con gli occhi).
Il trattamento è abbastanza costoso, ma con questo trattamento i risultati sono garantiti nel 99% dei casi e la ricrescita è pressoché nulla.
Ricordiamo inoltre che questi tipi di laser sono di utilizzo esclusivamente medico.

Durata
Occorrono diverse sedute a seconda del soggetto da trattare (in genere 3-4 il primo anno, 2-3 il secondo ed 1 il terzo) e si possono trattare anche vaste aree.

Problemi della depilazione con il laser
Poiché il laser agisce emettendo alte potenze per tempi infinitesimi, ha il vantaggio di essere molto efficace per la depilazione senza presentare particolari controindicazioni a parte quella di non esporsi al sole per almeno una settimana. In caso di arrossamenti è consigliabile una crema cortisonica. Nei casi più gravi si consiglia di consultare un dermatologo.

Costo di una seduta di depilazione
Dai 260 ai 360 euro per ogni seduta (circa mezz'ora). Questi costi sono molto indicativi perché variano dalla zona e dal tipo di peluria, vi consigliamo pertanto di rivolgervi a personale qualificato chiedendo sempre prima un preventivo e garanzie sui risultati. 
Depilazione con onde
Di recente introduzione, questa tecnica definitiva consiste nell'impiego di apparecchiature che emettendo alcune onde elettromagnetiche di frequenza diversificata, favoriscono la progressiva scomparsa del pelo superfluo.

Ne è un esempio Epilderm, utilizzato nei migliori centri estetici: l'estetista applica particolari prodotti-gel sulle zone da trattare, ed in seguito vi passa sopra una sonda flessibile emanante diverse radiofrequenze che atrofizzano il pelo. La seconda fase consiste invece nella classica ceretta che risulterà indolore e molto più efficace.
Si considera che chi si sottopone costantemente a questo trattamento, può ottenere un risultato che va dal 50% alla completa scomparsa dei peli supeflui.

Durata
Diverse sedute a seconda del soggetto da trattare.

Costo
Il costo di una seduta media (si va dai 15 minuti ad 1 ora), si aggira indicativamente sugli 1,5 euro al minuto.




permalink | inviato da Il mondo dell' estetica il 3/5/2008 alle 20:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa


26 aprile 2008

primo consiglio :la cura delle mani e dei piedi!!!!!

 Ecco ke da oggi iniziamo un viaggio bellissimo verso l' estetica e ho voluto iniziare a parlarvi delle mani e dei piedi iniziamo con le mani:   Le nostre mani sono sempre in continuo movimento e proprio per questo motivo è necessaria una cura attenta. Infatti i lavori manuali, un assiduo contatto con l'acqua, l'azione del freddo e dell'inquinamento costituiscono seri pericoli per la loro bellezza.
E' consigliabile seguire quindi qualche piccolo accorgimento.

Quando le lavi
Soprattutto se ti lavi le mani più volte al giorno, è importante scegliere detergenti adatti e delicati a ph neutro o acido.
Dopo aver lavato le mani è importante asciugarle con cura, l'acqua che rimane sulla pelle infatti può renderle ruvide.
Massaggia le mani con una crema idratante specifica ogni volta che le lavi.

D'estate
Per evitare che il sole estivo sia causa di rughe proteggi la pelle del dorso delle mani con una crema protettiva.

D'inverno
Il clima particolarmente freddo rende le nostre mani secche poiché altera la circolazione sanguigna e la pelle non riceve in modo adeguato le sostanze nutritive. Rossori e idratazioni vanno quindi combattuti con prodotti idratanti e nutrienti o adirittura veri e propri trattamenti antiage o antimacchia.
• In questo periodo è buona norma proteggere le mani con dei guanti imbottiti.
Contro i geloni (gonfiori causati dal freddo) un ottimo rimedio è riattivare la circolazione alternando bagni freddi e caldi per alcuni minuti.

Consigli utili
L' olio extravergine d'oliva è molto efficace nel rendere morbida e liscia la pelle delle nostre mani. Per questo prima di dormire può essere utile massaggiarle con l'olio come se fosse una normale crema.
Il contatto con i detersivi può rovinare le nostre mani: è bene usare ogni volta dei guanti di gomma per proteggerle; scegliere dei modelli foderati all'interno con un rivestimento in cotone.
Contro i geloni (gonfiori causati dal freddo) un ottimo rimedio è riattivare la circolazione alternando bagni freddi e caldi per alcuni minuti.

Piedi più belli
I piedi sono spesso molto trascurati. Quando scegliamo una scarpa, il più delle volte ci limitiamo a sceglierla in base alla linea e dimenticando che potrebbero essere la causa di una serie di problemi. Inoltre dedichiamo alla loro cura pochissimo tempo, trascurando il fatto che i piedi, oltre ad essere una parte del corpo che può avere il suo fascino possono essere fonte di estremo relax.

E tu che piede hai?

Piede egizio:

l'alluce è più lungo del secondo dito.

Piede quadro:

la pianta ha un profilo "rettangolareggiante".

Piede a pianta larga:

è anche detto piede di papera per la sua caratteristica forma.
Piede a pianta allungata:
di forma affusolata, ha la pianta stretta esile e allungata.

Una pedicure perfetta da fare a casa
1.

Immergi i piedi in una bacinella di acqua tiepida, aggiungendo una manciata di amido di riso.

2.

Dopo una decina di minuti procedi con il taglio delle unghie, avendo cura di tagliarle non eccessivamente per evitare che si possano incarnare.

3.

Usate la pietra pomice per eliminare le callosità che si possono formare sotto la pianta dei piedi.

4.

Per eliminare calli più piccoli, utilizzare creme esfolianti prima ed emollienti dopo.

5. Massaggiate delicatamente il piede con creme idratanti.
6. Stendete lo smalto protettivo ed infine (se lo desiderate) quello colorato.

Quando rivolgersi all’estetista e quando al podologo?

L' estetista si occupa essenzialmente della pedicure, deve perciò effettuare tutti quei trattamenti che aiutano a mantenere i piedi in buono stato e che migliorano l'aspetto estetico.
Non può effettuare nessun tipo di prestazione di carattere terapeutico.

Il podologo è una professione sanitaria e la sua formazione è di tipo universitario.
Tratta tutti quelli che possono essere definiti problemi sanitari del piede come: calli o tilomi, unghie deformi etc.

 Consigli utili:        Mal di piedi? Piccoli rimedi, grande relax!

Con l’arrivo dell’estate, la stagione dei sandali e delle camminate a piedi nudi, è più che mai arrivato il momento di prendersi cura dei vostri piedi ! Spesso costretti a duri sforzi, ma soprattutto a stringersi in scarpe dalle forme più strane, i nostri piedi sognano un po’ di salutare relax!

Non c'è niente di più efficace, quindi, di una buona passeggiata a piedi nudi su terreni cedevoli (come ad esempio l’erba) che meglio si adattano alla loro forma. Inoltre se siete in vacanza, il consiglio migliore è quello di fare lunghe camminate in spiaggia, con l'acqua che arrivi almeno fino al ginocchio, per tonificare, massaggiare e rilassare piedi e caviglie.

Dopo una lunga giornata, potete poi effettuare un delicato massaggio (partendo dalla pianta dei piedi per poi risalire fino al polpaccio) con una crema idratante , che non solo allevia la tensione, ma aiuta anche a ristabilire una corretta circolazione sanguigna, prevenendo così callosità e duroni.

Per ottenere un completo relax, dopo la doccia o il bagno, potete poi anche distendere le gambe su comodi cuscini , almeno per un quarto d'ora, sollevandole in modo tale che i piedi siano più in alto del capo. Quando sei a casa cercate di indossare calzature estremamente confortevoli, che permettano ai vostri piedi di avere una posizione naturale.

Per eliminare le cellule morte procuratevi, invece, una spugnetta esfoliante (o una crema che abbia la stessa funzione), passatela dolcemente sul piede e risciacquate con acqua fresca.

Un’altra cura sicuramente efficace per i vostri piedi doloranti e stanchi potrebbe essere il pediluvio , ossia l'immersione dei piedi per una ventina di minuti in acqua. Alternando l'immersione in acqua calda e fredda si riattiverete la circolazione, prevenendo le vene varicose. E' possibile unire all'acqua del sale marino, degli olii essenziali o delle erbe (come menta e lavanda) in modo da ottenere un efficace rimedio anche contro l'eccessiva sudorazione. In alternativa potete usare anche il bicarbonato; attenzione però all’abbronzatura perché il bicarbonato, a differenza del sale, ha un effetto sbiancante.

Dopo il pediluvio tagliate le unghie , che intanto si sono ammorbidite. Non utilizzate forbicine appuntite, per non creare rischiose ed inutili abrasioni e ricordatevi che le unghie dei piedi non devono essere tagliate seguendo la loro curvatura naturale, ma con un taglio diritto che non intacca gli angoli, per evitare che si incarnino.

Se volete applicate, infine, lo smalto ma ricordatevi di toglierlo dopo circa 3-5 giorni e di far passare almeno due giorni prima della successiva applicazione. In questo modo permetterete alle vostre unghie di respirare, evitando che si rammolliscano ed ingialliscano!
   Rimedi naturali:     Camminano, corrono, saltano, ballano, spesso costretti in scarpe dalle fogge sempre più azzardate, i nostri piedi sostengono quotidianamente tutto il peso di un corpo in continuo movimento, per questo bisognerebbe averne particolare cura .

Come in ogni altra parte del corpo, anche la pelle dei piedi ha bisogno di essere curata e mantenuta elastica .
Per ottenere un immediato miglioramento dello stato della cute, basterà svolgere un delicato massaggio con una crema emolliente.
Il movimento ideale per regalarsi un'immediata sensazione di benessere, andrebbe effettuato partendo dalla pianta dei piedi, meglio se con i pollici, per poi risalire fino al polpaccio.

Per mantenere i piedi in perfetta forma, è importante seguire alcune semplici regole di igiene, anche se ciò, a volte, potrebbe non bastare.
Piedi particolarmente stanchi e gonfi, possono trovare sollievo
mantenendo le gambe in alto , appoggiate ad un muro, per circa quindici minuti.

Per risolvere definitivamente il problema dei piedi affaticati, anche la natura viene in tuo aiuto!
Ecco alcuni rimedi naturali, facili ed economici:

Un olio per massaggiare e tonificare i piedi, dopo averli lavati, è facilmente ottenibile mescolando olio di sesamo con alcune gocce di olio essenziale di chiodi di garofano.

Un rimedio efficace per i piedi freddi è un bagno alla lavanda. Prepara un infuso con fiori di lavanda, circa 50 grammi per litro d'acqua. Fai diventare l'acqua tiepida e aggiungi del sale. Tieni i piedi nel bagno per alcuni minuti e lavali poi con acqua fredda. Ripeti per due o tre volte.

Contro duroni e callosità , prepara un infuso di acqua e fiocchi d'avena; appena l'acqua è tiepida fai un lungo pediluvio.

 




permalink | inviato da Il mondo dell' estetica il 26/4/2008 alle 16:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa
sfoglia     giugno       
 
 




blog letto 40187 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

*DIEGO DALLA PALMA°
*PASCAL*
*RENE BONANTE*
*ALDO COPPOLA*


 

 

 Myspace Cursors @ JellyMuffin.comMyspace Layouts & cursors

Myspace Layouts
Myspace Layouts - Girls Only Myspace Layouts
Myspace Codes - Myspace Generators - Myspace Backgrounds

CERCA